Sabato 21 settembre in Fattoria ci hanno raggiunto degli ospiti che hanno avuto modo di visitare il vigneto, apprendere la filosofia che ci guida lungo questo cammino e infine di degustare i nostri prodotti. Queste le parole che il sommelier Sauro Brandini, spende sul suo profilo Facebook:

“Torniamo a parlare della viticoltura in Mugello. L’assaggio quasi per caso di un nuovo prodotto, appena uscito sul mercato, ci aveva positivamente colpito e così ci è sembrato doveroso conoscere più a fondo questa nuova realtà nel piccolo mondo vitivinicolo del Mugello.
Parliamo della Fattoria di Cortevecchia, piccola azienda a conduzione familiare situata a Cortevecchia sulle colline adiacenti San Piero a Sieve. Un ettaro di vigneti coltivati a pinot nero, seguendo giustamente la scia che ormai pare aver indicato la strada per la viticoltura del Mugello. Con una particolarità ed un scopo ben preciso che per il momento rende unica la Fattoria di Cortevecchia: la produzione di uno spumante metodo classico da pinot nero. Una realtà giovanissima nata nel 2012 dalla passione per le bollicine del titolare Sandro Bettini che grazie anche al prezioso aiuto di Nello Baglioni è riuscita a centrare l’obiettivo di partenza. I vigneti sono in una posizione particolarmente vocata, ventilata e ben soleggiata, si fa uso di una particolare forma di allevamento ad alberello supportata da un cerchio metallico che consente di tenere i tralci ben aperti e quindi favorire l’aerazione dei grappoli. Ovviamente raccolta, potature e altre lavorazioni sono fatte integralmente a mano, per i trattamenti si seguono i principi dell’agricoltura biologica. Come anticipato prima lo scopo di Sandro è la produzione di spumante metodo classico da pinot nero, per adesso vinificato in bianco. È stato prodotto anche del vino rosso, per il momento in affinamento, che ha dato la possibilità di imbottigliare un rosato. L’attenzione però è focalizzata sullo spumante, realtà unica nel territorio. “Primum Salubre Ascesa” il suo nome, abbiamo degustato la prima annata imbottigliata, la 2014, sboccata a settembre dello scorso anno. Un prodotto di alto livello, con ben 42 mesi di affinamento sui lieviti, l’assaggio in azienda ha confermato l’idea che ci eravamo fatti: prodotto eccellente, di grande eleganza e finezza, correttamente dosato, uno spumante che può competere con i migliori metodo classico della produzione italiana.
Ringraziamo Sandro e Nello per la piacevole e gradita ospitalità e gli facciamo i migliori auguri per il meritato successo che sicuramente arriverà.”

Siamo felici che abbiate passato una bella giornata e vi ringraziamo per le parole spese. Siamo certi di rivedervi presto, con la speranza che il nostro nuovo prodotto riconfermerà le impressioni avute.

Grazie!!!

Categories: News

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *